Arrestato a Torino presunto rapinatore della Caripe

autovolantipolizia

E’ stato arrestato a Torino il presunto rapinatore della Caripe di via Tiburtina, a Pescara. Daniele Baldini fermato in un albergo insieme ad un altro pregiudicato trovato in possesso di documenti falsi.

Il colpo, compiuto lo scorso 22 marzo, aveva fruttato un bottino di oltre 18.000 euro. Baldini, al momento del fatto, era agli arresti domiciliari. Ora dovrà rispondere dei reati di rapina aggravata ed evasione. L’uomo è stato riconosciuto dai poliziotti della sezione Antirapine della Squadra Mobile di Pescara grazie alle immagini della videosorveglianza della banca. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata eseguita ieri in un’operazione congiunta delle squadre mobili di Pescara e Torino ed è stata emessa dal gip del tribunale di Pescara, Antonella Di Carlo, su richiesta del pm Mirvana Di Serio. Dopo il colpo, commesso insieme ad un complice, Baldini si era reso irreperibile. Gli investigatori hanno rivenuto tracce del suo passaggio prima a Roma e poi Torino, dove è stato catturato in un albergo in cui si era registrato sotto falso nome. Insieme a Baldini è finito in manette anche un altro pregiudicato abruzzese, Federico Forcella, trovato in possesso di una carta di identità falsa. Il sospetto è che possa trattarsi proprio del complice di Baldini nella rapina alla Caripe.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Arrestato a Torino presunto rapinatore della Caripe"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*