Abruzzo, sequestrati 350 chili di tartufi non tracciati

Da dove arrivavano quei 350 chili di tartufi non era dato sapere, così gli uomini del Nucleo Agroalimentare della Forestale li hanno sequestrati: è accaduto nel vastese, dove i Naf hanno scoperto i preziosi tuberi, non tracciati, per un valore di oltre 3000 euro.

La scoperta è stata fatta in un esercizio commerciale del vastese dal personale del NAF, Nucleo Agroalimentare e Forestale, della provincia di Chieti e del Comando Stazione Forestale di Vasto, durante le consuete attività di controllo sulla sicurezza alimentare. Il sequestro ha riguardato 345 kg di tartufo scorzone (Tuber aestivum Vitt.) e 5 kg di tartufo bianco (Tuber magnatum Pico) per i quali il rivenditore non è stato in grado di fornire alcuna tracciabilità. Il titolare dell’esercizio commerciale è stato anche sanzionato per non aver comunicato alla Regione Abruzzo la quantità di tartufi commercializzati. L’attività dei Naf rientra nelle verifiche di tutta la filiera dei preziosi tartufi – raccoglitori/intermediari/distributori/trasformatori – il cui valore mette in moto un giro di ingenti interessi economici e solletica diverse attività, anche illecite. Il Corpo Forestale dello Stato punta anche a tutelare il patrimonio boschivo da raccoglitori senza scrupoli che, senza osservare le norme, prelevano i tartufi oltre il limite consentito, in periodo di divieto e spesso non rispettando l’ambiente. Tutte operazioni che compromettono le capacità produttive delle tartufaie e alterano l’equilibrio dell’ecosistema boschivo.

IMG-20160325-WA0005

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Abruzzo, sequestrati 350 chili di tartufi non tracciati"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*