Conservatorio “A.Casella”: oltre 800 studenti iscritti

Non soltanto un luogo in cui si fa musica, ma una piccola azienda in grado di creare un indotto e un ritorno di tipo economico sul territorio. In piena ottemperanza del detto secondo cui “la cultura crea anche sviluppo economico”.

A 50 anni suonati il Conservatorio statale “Alfredo Casella” dell’Aquila gode ancora di ottima salute, nonostante gli otto anni difficili del post-sisma e nonostante la sede inagibile (dopo il terremoto il conservatorio si è ricollocato in un edificio alla periferia della città, in attesa di avere di nuovo una sua “casa” in centro storico).

Sono 800 gli studenti iscritti a oggi – un numero destinato a crescere di qui a gennaio – di cui la metà fuori sede, che hanno scelto L’Aquila per la loro formazione artistica, oltre 150 i lavoratori tra personale docente e non docente e un’offerta formativa e didattica con corsi di primo e di secondo livello per tutti gli strumenti, seminari e masterclass con musicisti di fama internazionale e un dipartimento di musica jazz ed elettronica. Numeri descritti dal direttore, Giandomenico Piermarini, nel giorno dell’inaugurazione del 50esimo anno accademico del Conservatorio. Piermarini fa una raccomandazione a chi amministra il territorio.
Alla fine della cerimonia un concerto offerto dagli studenti del Conservatorio.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Conservatorio “A.Casella”: oltre 800 studenti iscritti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*