L’Aquila, Lfoundry. Vendita a Wuxi: i sindacati chiedono chiarezza

Lfoundry-2

Una lettera aperta al commissario prefettizio di Avezzano Mauro Passarotti, con cui i responsabili della Fim Cisl, della Fiom Cgil e della Uilm Uil chiedono di essere ricevuti con urgenza.

Preoccupa il silenzio e la scarsità d’informazioni con i quali è avvenuta la vendita del 100 per cento delle quote dell’azienda più grande del territorio alla start-up cinese “Wuxi Xichanweixin Semiconductor”, vendita firmata a luglio mentre sono ancora in vigore i contratti di solidarietà per tutti i dipendenti – dirigenti compresi – della multinazionale produttrice di semiconduttori. Un’acquisizione che non convince, e a essere critica è soprattutto la Cgil. Che da mesi chiede, insieme a tutte le altre parti sociali di conoscere il piano industriale e le reali intenzioni dei nuovi vertici aziendali. A oggi, però nessuna risposta e tutto rinviato a settembre.

Il Servizio del Tg8:

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, Lfoundry. Vendita a Wuxi: i sindacati chiedono chiarezza"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*