Marineria: “Renzi ha svenduto il nostro mare”

peschereccio

La marineria di Pescara e dell’Adriatico all’attacco del premier Renzi: “Ha svenduto il nostro mare ai petrolieri e alle trivelle”.

La marineria di Pescara e dell’Adriatico all’attacco del premier Renzi: “Ha svenduto il nostro mare ai petrolieri e alle trivelle”. A parlare così è Mimmo Grosso, portavoce della marineria pescarese che questa mattina, al molo sud, ha partecipato, compatta, alla inaugurazione della nuova sede del Monumento ai Caduti del Mare. Un simbolo, anzi, molto di più, perché quella scultura realizzata da Vittorio Pollio, reca i nomi dei pescatori “rapiti dal mare”, e alcuni di loro nemmeno restituiti dal mare che è diventato la loro tomba. Un momento toccante, quello di stamattina, scandito dai nomi di chi non c’è più e dalle sirene dei pescherecci, in cui è stato ribadito il duro lavoro dei pescatori, reso ancora più difficile, specifica Mimmo Grosso, dalle problematiche attuali legate alle trivelle che minano l’Adriatico. In più c’è la questione delle zone interdette alla pesca, quale la Fossa di Pomo, particolarmente pescosa, dove, invece i dirimpettai croati pescano tranquillamente, nonostante l’interdizione. Ancora, il piano regolatore portuale: di ieri un incontro in Comune, dove, si è parlato di barriere soffolte e della possibilità di forare la diga, ma anche in questo caso, i pescatori parlano chiaro: “Siamo noi che viviamo il mare, lo rispettiamo, lo affrontiamo, ne conosciamo i rischi. Perché non ci consultano? Le barriere soffolte potrebbe rappresentare una trappola per noi, all’ingresso e all’uscita dal porto.”

Dalla vecchia sede, poco più in là, ma dimenticata, il Monumento ai Caduti del Mare è stato spostato lungo la banchina sud, grazie alla collaborazione tra Comune di Pescara e Marineria, sottolinea il consigliere Riccardo Padovano che con il sindaco Alessandrini, il comandante Moretti della Direzione Marittima e altre autorità, era presente alla manifestazione di oggi. C’era anche una rappresentanza del Comune di Cesenatico, per aprire la strada, o meglio, il mare, a un vero e proprio gemellaggio tra le due marinerie, da sempre vicine.

Il servizio del Tg8:

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Marineria: “Renzi ha svenduto il nostro mare”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*