Accord Phoenix. Cialente: “Sindacati contro l’azienda”

“A livello nazionale c’è uno scontro grave rispetto ai monopolisti della gestione dei rifiuti elettronici, settore sul quale l’Unione europea ha già denunciato, con particolare riferimento all’Italia, la presenza di aspetti gravi di illegalità e infiltrazioni malavitose”.

Il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente interviene con queste parole a gamba tesa sulla questione Accord Phoenix, l’azienda per il recupero dei rifiuti cosiddetti Raae che si è insediata da pochi mesi e dopo 5 anni di complesse trattative, nell’ex polo elettronico dell’Aquila. I sindacati e una parte del centrodestra aquilano accusano l’imprenditore inglese di origini indiane Ravi Shakar di non essere all’altezza – insieme a tutta la dirigenza aziendale, – della gestione di uno stabilimento complesso e altamente tecnologico.

In più, accusano l’azienda di non voler rispettare gli accordi: ossia che a essere assunti nello stabilimento siano prevalentemente lavoratori dell’ex polo elettronico. Per Cialente i sindacati – così come il centro destra aquilano – con il loro atteggiamento ostruzionistico e critico (il sindaco ha parlato sui social sulle assunzioni e sulle scelte industriali) rischiano di far fuggire la nuova importante industria.

Guarda il servizio del Tg8:

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Accord Phoenix. Cialente: “Sindacati contro l’azienda”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*