Secinaro, vigili e canadair per salvare il Parco del Sirente

A preoccupare è il versante di Pagliare di Tione e Goriano Valli, dove i nuovi focolai di incendio alzano la testa aggravando il quadro difficile del fronte del Parco regionale del Sirente. Accerchiato dai focolai è Secinaro, il piccolo borgo ai piedi del Sirente.

Il paese da martedì mattina intorno a mezzogiorno combatte contro il fuoco divampato in tre diversi punti – in modo si presuppone doloso – al confine tra Molina Aterno, Secinaro e Goriano Valli. Nella notte scorsa le fiamme si erano sopite, complice l’abbassamento delle temperature e la mancanza di vento, fiamme che hanno ripreso vigore alle prime luci di ieri. Distrutta la pineta secolare, il “polmone di Secinaro e della Valle Subequana”, come viene definita da queste parti – e la montagna “Campo de rose”, adesso sorvegliato speciale è l’altro versante, quello appunto di Tione, all’imbocco del Parco: se le fiamme prendessero piede qui sarebbe davvero difficile domarle, in quanto il Parco si sviluppa per chilometri e chilometri di fitto bosco di faggi e pinete.

Per questo ieri, su richiesta della Regione, in campo sono arrivati, al fianco dei 60 vigili del fuoco, 30 volontari della protezione civile, diverse guardie provinciali e gruppi di zoofilia, i militari del Nono reggimento dell’Aquila, un elicottero della Regione e uno dei Vigili del fuoco e un Canadair dalla Francia. Proprio quest’ultimo a metà pomeriggio è rimasto bloccato a Ciampino, dove era tornato per fare rifornimento di carburante, per un guasto. Preoccupatissimo il sindaco Celestino Bernabei:

“E’uno scempio, è andata persa una delle pinete più importanti di tutta la Valle Subequana”.

Intanto sul versante di Tione già da martedì l’amministrazione comunale, con l’aiuto della gente del posto che mette a disposizione ruspe e mezzi e manovalanza, sta cercando di aprire delle linee tagliafuoco per arginare la veemenza delle fiamme verso il Parco. Un altro incendio divampò, esattamente nello stesso punto di quello di martedì e quasi lo stesso giorno (il 28 agosto) sei anni fa.

incendio secinaro

incendio secinaro

secinaro secinaro3 secinaro5 secinaro7

 

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Secinaro, vigili e canadair per salvare il Parco del Sirente"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*