Pescara: flash mob contro taglio alberi

flash-mob-alberi1

Flash mob, nel pomeriggio, a Pescara, organizzato da Pescara Punto Zero, di cittadini e associazioni che dicono no al taglio di oltre 100 alberi da parte del Comune.

L’appuntamento, in piazza Sacro Cuore dove associazioni, comitati e semplici cittadini hanno manifestato contro la decisione del Comune in merito al taglio di oltre 100 piante in città, classificate dal responsabile comunale nella categoria di rischio estremo, perché malate. Ambientalisti e associazioni non ci stanno e rimarcano come sia possibile salvare quegli alberi dall’abbattimento.

“Ricordi che Pescara era chiamata la Città Giardino? Invece di preservare e curare ciò che resta dei pini e dei grandi alberi che – dicono gli organizzatori del flash-mob – creano ombra, mitigano gli effetti dell’inquinamento e migliorano la qualità della vita in una città disordinata e caotica, l’Amministrazione comunale ha avviato il taglio di oltre 100 grandi alberi in maniera sbrigativa e senza accettare alcun contraddittorio. Manifestiamo per salvare gli alberi e reclamare una gestione diversa del patrimonio verde della città.”

Il servizio del Tg8:

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Pescara: flash mob contro taglio alberi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*