Morta scontro con rapinatori: Cassazione conferma condanna

incidente-stradale1

La Cassazione ha confermato la condanna a sei anni di reclusione nei confronti del 24enne albanese accusato di aver provocato, dopo una fuga da una rapina in Abruzzo, un incidente stradale in cui perse la vita una ragazza di 25 anni.

La Cassazione ha confermato la pena a sei anni di reclusione, per omicidio colposo, nei confronti di Visar Dedja, l’albanese di 24 anni accusato di aver provocato, durante la fuga da una rapina compiuta in Abruzzo, l’incidente stradale in cui il 31 gennaio 2013 perse la vita la venticinquenne di Montefranco Maria Elena Petruccioli. Nello scontro tra l’auto guidata dalla giovane e quella di Dedja, avvenuto lungo la Flaminia tra Terni e Spoleto, era morto anche un complice connazionale dell’albanese. Il conducente era invece riuscito a salvarsi dopo alcuni giorni di coma. L’imputato era stato condannato in primo grado dal gup di Spoleto a 14 anni, per omicidio volontario (con rito abbreviato), pena poi ridotta a sei dalla corte d’Assise d’appello di Perugia, dopo che l’accusa era stata derubricata in omicidio colposo. La sentenza di secondo grado è stata quindi confermata dalla Suprema corte. Forte la delusione dei familiari della ragazza, il cui terzo anniversario della morte cadrà domenica. “Speravamo in una pena esemplare – ha commentato con amarezza la madre Sonia – abbiamo fatto tutto il possibile anche grazie al nostro legale Francesco Caroleo Grimaldi, ma così non è stato. Lo trovo terribilmente ingiusto perché questo ragazzo tra pochi anni uscirà dal carcere, e sarà ancora giovane, mentre io questo ergastolo me lo porterò dentro fino alla fine”. Secondo la donna, “episodi del genere non devono essere dimenticati, non solo per quanto accaduto a mia figlia – ha osservato – ma anche per tutte le altre persone che subiscono queste tragedie. Bisogna tenere i riflettori accesi – ha concluso – e mi auguro che la legge sull’omicidio stradale possa far cambiare le cose”.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Morta scontro con rapinatori: Cassazione conferma condanna"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*