Qualità dell’aria, Pescara non basta

Per combattere l’inquinamento atmosferico e migliorare la qualità dell’aria non basta ipotizzare misure solo su Pescara, ma bisogna ragionare sull’area vasta.

Il messaggio lo aveva scandito forte e chiaro, al microfono di Rete8, il direttore Arta Abruzzo, Francesco Chiavaroli. Ieri il suggerimento è stato raccolto dai sindaci dell’area metropolitana allargata che circonda il territorio di Pescara.

“L’aria non ha confini, né politici né fisici”, aveva detto Chiavaroli, e infatti al tavolo organizzato ieri al Comune di Pescara si sono seduti anche i primi cittadini del territorio che va dal capoluogo adriatico a Francavilla e che include San Giovanni Teatino, Spoltore e Città Sant’Angelo. Oggetto dell’incontro, le strategie per combattere l’inquinamento atmosferico, per migliorare l’ambiente e favorire la mobilità sostenibile, anche attraverso il potenziamento dei percorsi ciclabili e della condivisione dei mezzi di trasporto. Oltre allo stesso Chiavaroli e agli assessori comunali, erano presenti il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini, e i primi cittadini di Montesilvano, Francesco Maragno; Antonio Luciani, Francavilla; Luciano Di Lorito, Spoltore; Gabriele Florindi, Città S.Angelo; Luciano Marinucci, San Giovanni Teatino.

IL SERVIZIO DEL TG8:

Sii il primo a commentare su "Qualità dell’aria, Pescara non basta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*