L’Aquila, Banca Etruria: i risparmiatori contro il decreto rimborsi

Tutti i risparmiatori vanno rimborsati subito, senza lunghi arbitrati, un meccanismo che rischia di produrre una disparità di trattamento tra i clienti dei quattro istituti di credito (banca Etruria, Banca Marche, Carichieti e Cariferrara) falliti con il decreto “Salva banche”, che lo scorso 22 novembre ha bruciato i risparmi di migliaia di persone in tutt’Italia.

Ad alzare di nuovo la voce per ribadire un netto “no” all’ipotesi dell’arbitrato, sono i risparmiatori del comitato dei clienti della Banca Etruria di Pizzoli, il Comune che ha pagato il pegno più alto al provvedimento “Salva banche”, un caso nazionale, con i suoi 1.500 abitanti su 5mila che avevano sottoscritto un’obbligazione subordinata o un’azione inconsapevoli del rischio a cui stavano andando incontro.

Il portavoce del Comitato di Pizzoli, Domenico Ioannucci, ringrazia il viceministro all’Economia Enrico Zanetti per aver voluto incontrare i risparmiatori ieri durante la sua tappa aquilana, ma al governo manda a dire, a nome di tutti i risparmiatori dell’Etruria, che così, il decreto per i rimborsi che l’esecutivo si appresta ad approvare la prossima settimana non va bene. Tutti devono essere rimborsati, a prescindere dalla cifra investita e persa.

Il passaggio del decreto contestato dai risparmiatori è quello in cui si dice che “oltre una certa soglia ci sarà l’accertamento caso per caso (l’arbitrato, appunto), mentre per i piccoli risparmiatori, per investimenti contenuti e di basso livello reddituale, si presume la non adeguata informazione da parte di chi gestisce risparmio, e si può ottenere il rimborso bypassando l’arbitrato e gli accertamenti”

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, Banca Etruria: i risparmiatori contro il decreto rimborsi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*