Signora e signora: prima unione civile in Abruzzo

La sensazione è potente e dà a tutti i presenti la consapevolezza – e l’emozione – di respirare nella Storia: dopo l’approvazione della legge Cirinnà, prima unione civile d’Abruzzo celebrata oggi a Spoltore.

Dietro pero’ c’è anche la storia con la s minuscola, ossia quella privata di due persone che si incontrano, si ascoltano, si piacciono, e finalmente si sposano. tutto nella norma, se non fosse che il loro matrimonio si chiama unione civile e che che le due persone siano dello stesso sesso, donne, nella fattispecie. Il momento storico si è consumato oggi a Spoltore, dove l’ex deputato di Rifondazione Maurizio Acerbo, visibilmente emozionato, ha unito civilmente Margherita Montefalcone e Elena Cornacchia, una di origine milanese e l’altra del pescarese, dipendente pubblica l’una e titolare di una pizzeria l’altra. Ad attenderle nella sala consiliare, oltre al sindaco di Spoltore Luciano Di Lorito e al presidente del consiglio Lucio Matricciani,  c’erano più fotografi che invitati, un risvolto mediatico che le due spose non hanno subìto, ma scelto consapevolmente proprio per lanciare un messaggio chiaro e inequivocabile: “Si può fare”. Anche in Italia. Che si possa fare lo ha stabilito la legge Cirinnà, sulla base della quale si è dato corso a questa prima unione civile in terra d’Abruzzo e che da oggi, si spera, vedrà Elena e Margherita sposate come due persone e basta, due donne normali alle quali il cuore non ha posto limiti.

 

 

nozze gay

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Signora e signora: prima unione civile in Abruzzo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*