S.Omero: un arresto per tentata estorsione

carabinieri-posto-di-blocco

A S.Omero un arresto per tentata estorsione, resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di armi.

Queste le accuse con le quali i Carabinieri  hanno arrestato Riccardo Santoro, un uomo di 34 anni originario di Anagni ma residente a Sant’Omero. L’uomo è stato fermato dai militari della stazione di Sant’Egidio alla Vibrata e Campli nella frazione di Garrufo mentre stava ritirando la somma di 600 euro dal titolare di un bar, a titolo di riscatto per la restituzione delle chiavi e del telecomando dello stesso bar rubati in precedenza. Per evitare l’arresto Santoro ha ingaggiato una colluttazione con i militari, che poi sono riusciti a fermarlo. L’uomo, al quale è stato trovato addosso un coltello proibito, nascondeva nella sua abitazione, dentro un cofanetto in cantina, gli oggetti da restituire dietro pagamento della somma. Riccardo Santoro è stato rinchiuso in cella di sicurezza in attesa di comparire dinanzi al giudice per il processo con rito direttissimo.

 

 

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "S.Omero: un arresto per tentata estorsione"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*