Pescara, tagliati alberi per cantiere edile

A Pescara il taglio degli alberi in un cantiere edile della zona stadio scatena la protesta dei residenti. Il Comune garantisce che ogni pino sarà rimpiazzato con tre alberi piantumati nella vicina pineta dannunziana.

Lo diceva pure la canzone: per fare un tavolo ci vuole un fiore, ma possibile che per fare una casa intera occorra sacrificare dieci alberi? Pare di sì, almeno se i suddetti occupano uno spazio che il Comune ha deciso di destinare a edilizia residenziale pubblica. Accade a Pescara, in zona stadio, tra via Pepe e via D’Avalos, dove l’apertura del cantiere ha innescato l’abbattimento forzato dei pini. Alberi che, secondo l’ex preside dell’Istituto Aterno Eliseo Marrone, stanno lì da 1940. Marrone va oltre, facendo notare su facebook la differenza sostanziale tra il clamore suscitato dal taglio degli alberi di via Regina Margherita e il silenzio assordante sviluppatosi attorno a questo abbattimento “periferico”. Intanto i lavori sono iniziati, l’assessore comunale all’edilizia popolare Adelchi Sulpizio precisa che le piante saranno comunque rimpiazzate da tre alberi per ciascuna di quelle abbattute, ma all’interno della pineta dannunziana. Mentre l’area liberata ospiterà una palazzina con alloggi Ater a canone concordato destinati a chi – avendo i requisiti per accedere al bando – si aggiudicherà gli appartamenti.

 

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Pescara, tagliati alberi per cantiere edile"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*