Pescara, revoca lampo per il sansificio

Pescara, revoca lampo per il sansificio. E’ durata solo poche ore la sospensione delle attività del sansificio di strada vicinale Torretta.

Nei giorni scorsi, dopo un paio di settimane di odore nauseabondo subito dai cittadini pescaresi, l’autorizzazione delle operazioni nello stabilimento era stata revocata. Secondo la Provincia di Pescara, la puzza era causata proprio dal sansificio dei fratelli Schiavone. La revoca però è durata appena un giorno, una volta annullata il sansificio è tornato in funzione. Sulla questione circolano almeno un paio di versioni, vedremo nelle prossime ore se arriveranno ulteriori chiarimenti. Intanto sembra certo che i controlli dell’Arta erano stati avviati già da novembre, quindi da prima che i cittadini avvertissero l’odore. I risultati sarebbero arrivati alla Provincia tra il 27 e il 28 dicembre, lo stabilimento sarebbe risultato in regola con l’emissione dei fumi, ma non alcuni accorgimenti tecnici che sarebbero stati subito risolti, da qui la revoca della sospensione. Intanto, in relazione al cattivo odore dei giorni scorsi, il Forum abruzzese per i movimenti dell’acqua e l’associazione Pescara punto zero hanno presentato un esposto in procura.

 

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Pescara, revoca lampo per il sansificio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*