Pescara, personale di Sabatini Odoardi all’Alviani ArtSpace

Sarà inaugurata sabato 7 maggio, alle ore 18, “Dispiegamenti”, la personale di Gino Sabatini Odoardi, allestita presso l’Alviani ArtSpace diretto da Lucia Zappacosta e situato all’interno dell’Aurum di Pescara.

Gino Sabatini Odoardi torna ad esporre a Pescara con una mostra personale che ancora una volta lo racconta come artista unico, infatti le opere esposte sono state realizzate polistirene termoformato. La termoformatura in polistirene è la tecnica del procedimento utilizzato da Sabatini Odoardi per realizzare gran parte dei suoi lavori. Un processo materico che rende l’artista abruzzese unico nel panorama italiano e internazionale.

 “Dispiegamenti – si legge nella nota di accompagnamento alla mostra – è un’installazione sospesa tra forma e segno, capace di creare una foresta monocroma attraverso la metafora e la sublimazione della “piega”. La piega – concetto leibniziano e barocco – consente di scoprire analogie e connessioni dei soggetti multidimensionali, che caratterizzano in maniera forte l’orizzonte novecentesco delle scienze dell’uomo. Ventiquattro drappi di polistirene bianco, termoformati manualmente dall’artista, riempiono lo spazio sospesi tra cielo e terra come in un giudizio universale. Uno svolgersi-avvolgersi in cui i drappi e le pieghe cercano di definire una incessante volontà di manifestarsi, stratificarsi, produrre composizioni visive, creare rapporti aritmetici, “accordi” che contribuiscono ad una diversa armonia dove l’orizzonte è forma e viceversa. A parete dodici teche contenenti piccoli disegni su polistirene bianco che riportano segni e appunti del grande filosofo francese Gilles Deleuze”.

Gino Sabatini Odoardi è un artista poliedrico con solidi riferimenti all’arte concettuale- Al suo attivo diverse mostre importanti, personali e collettive, sia in Italia che all’estero. Nel 1999 ha ricevuto da Alfred Pacquement (Centre George Pompidou) “Le prix des Jeunes Createurs” all’Ecole Nationale Supérieure des Beaux-Arts di Parigi. Odoardi, rappresentato dalla galleria Gowen Contemporary di Ginevra e dalla Whitelight di Milano, vive e lavora a Pescara. La mostra allestita all’Aurum ha per titolo “Dispiegamenti” ed è a cura di Daniela Pietranico, testo critico di Antonio Arévalo, creatore del primo Padiglione del Cile alla Biennale di Venezia. L’esposizione è patrocinata dalla presidenza del consiglio del Comune di Pescara e dall’assessorato alla Cultura.

 

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Pescara, personale di Sabatini Odoardi all’Alviani ArtSpace"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*