Pescara, incontro del WWF sulla tutela del mare

frigorifero1

Pescara, incontro del WWF sulla tutela del mare: l’appuntamento è per domani, a partire dalle 11, nella sala Figlia di Iorio della Provincia.

Partiranno da un preoccupante studio internazionale sul mare Mediterraneo i lavori del convegno pubblico previsto per domani, 30 gennaio, presso la sala Figlia di Iorio della Provincia di Pescara. Lo studio MedTrends è stato effettuato nell’ambito del programma del WWF “Mediterranean Marine Initiative”, svolto in 8 Paesi: Croazia, Cipro, Francia, Italia, Grecia, Malta, Slovenia e Spagna. L’analisi fornisce un quadro globale e integrato della crescita delle attività economiche marittime nel Mediterraneo. All’incontro, promosso dal WWF Chieti–Pescara in collaborazione con l’ente provinciale, sarà presente anche la presidente di WWF Italia, Donatella Bianchi. L’appuntamento è per le 11, i lavori saranno coordinati dal delegato WWF Abruzzo Luciano Di Tizio.

“I risultati dello studio MedTrends – si legge nel comunicato del WWF – sono impressionanti perché le attività vengono guardate per la prima volta nel loro insieme e in sovrapposizione l’una con l’altra. Dai trasporti marittimi al turismo, fino all’acquacoltura, tutto aumenta in maniera esponenziale e si prevede ulteriore espansione nei prossimi 20 anni. Il problema è che questa “economia blu” sta crescendo senza una visione a lungo termine di sviluppo sostenibile che tenga conto anche del nostro benessere. Per il WWF è invece indispensabile e urgente una pianificazione coordinata dell’intero bacino”.

All’incontro interverranno anche il presidente dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano Leone Cantarini e, per il Centro Studi Cetacei, il biologo marino Sergio Guccione. I saluti istituzionali saranno portati dal sottosegretario della Regione Abruzzo con delega per l’ambiente Mario Mazzocca e dal presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco.

“Lo studio MedTrends – prosegue la nota – analizza 10 settori economici marittimi chiave, illustrando l’oggi e il domani, con le tendenze fino al 2030. Attualmente oltre il 20% del Mediterraneo è dato in concessione per l’industria petrolifera e del gas: per l’Italia le zone più interessate restano il medio e basso Adriatico, il Canale di Sicilia e la Sardegna occidentale”.

A preoccupare il WWF è soprattutto la possibile sovrapposizione tra le diverse attività: i conflitti per lo spazio sono destinati ad aumentare, con svantaggi per tutti e ulteriore danno all’ambiente.

“Una situazione assurda, aggravata in Abruzzo dagli incredibili ritardi accumulati per la perimetrazione del Parco Nazionale della Costa Teatina, attesa da 15 anni; dalle non facili condizioni in cui è costretta a operare l’AMP “Torre del Cerrano”, unica area protetta marina della regione; da piani urbanistici e di gestione del litorale lontanissimi dal concetto di consumo zero del territorio. Nonostante tutto – conclude il WWF – il mare si difende e mostra inattese capacità di reagire, come dimostrano la tartaruga marina che ha deposto le uova a pochi passi dagli ombrelloni, sulla spiaggia di Roseto, o le decine di fratini che continuano a riprodursi ogni anno lungo tutto la costa abruzzese”.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Pescara, incontro del WWF sulla tutela del mare"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*