Conferenza Stato-Regioni: il nodo delle autorità portuali

porto ortonaporto ortona

Si aprirà con un minuto di silenzio per ricordare le vittime degli attentati di Bruxelles la Conferenza Stato-Regioni convocata per oggi a Roma. Tra gli altri argomenti, la Conferenza Stato-Regioni affronta il nodo delle autorità portuali.

Prima di affrontare gli argomenti all’ordine del giorno, la seduta odierna della Conferenza delle Regioni probabilmente tributerà un minuto di raccoglimento in onore delle vittime del terrorismo in Belgio. L’incontro inizia nel primo pomeriggio, nella Sala riunioni del I piano di Via della Stamperia, a Roma. Tra gli argomenti all’ordine del giorno ce n’è uno che sta particolarmente a cuore al presidente della Giunta regionale d’Abruzzo Luciano D’Alfonso: le nuove disposizioni in materia di autorità portuali, con la necessità di trovare la quadra tra la posizione del Governo e quella della Regione, visioni notoriamente antitetiche. La linea espressa dall’esecutivo regionale punta a sancire l’alleanza con Civitavecchia, stabilendo una sorta di asse Adriatico-Tirreno, mentre quella governativa ritiene più funzionale la direttrice unicamente adriatica, che di fatto metterebbe l’Abruzzo sotto l’ala di Ancona.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Conferenza Stato-Regioni: il nodo delle autorità portuali"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*