L’Aquila, striscione di Casapound davanti alla scuola di “Bella ciao”

La scuola come baluardo della storia e della democrazia, che va al di là delle posizioni politiche: così commenta Marcello Masci, dirigente scolastico della scuola media Mazzini-Patini finita al centro di polemiche politiche per l’insegnamento a scuola della canzone partigiana “Bella ciao”.

Un’opera inserita nei libri di testo e insegnata come tante altre, un brano in tutto il mondo riconosciuto come portatore di valori universali di libertà e opposizione alle dittature e alla guerra.Nonostante le origini neutre di una canzone adottata dai partigiani durante la lotta di Liberazione dal nazifascismo , si è creata una spaccatura in città dopo le polemiche sollevate dal consigliere comunale di Fratelli d’Italia Daniele D’Angelo, che ha accusato il docente e la scuola di portare la politica in classe. Una polemica che è degenerata con l’apposizione ieri – giorno del ricordo – di uno striscione di Casapound contro i partigiani davanti alla scuola Patini.

© Marianna Gianforte rete8

© Marianna Gianforte rete8

La sezione cittadina di Casapound rivendica con orgoglio la sua azione.

Siamo consapevoli della durezza del messaggio lanciato – spiega il responsabile di Casapound Abruzzo e Molise Simone Laurenzi – ma ancora una volta abbiamo centrato il nostro obiettivo, quello di smascherare i giustificazionisti delle foibe e gli anti italiani della nostra città.

Casapound, inoltre, sottolinea che:

L’azione era prevista da tempo ed è stata fatta su scala nazionale. All’Aquila abbiamo affisso in diversi luoghi e per la prima volta anche nel muro adiacente la scuola coinvolta nella polemica. Quest’ultima scelta – conclude Laurenzi – esclusivamente per cavalcare la notizia e dare quindi più visibilità agli striscioni e non per entrare nel merito della diatriba tra docenti e D’Angelo.

D’altra parte proprio in mattinata il consigliere comunale di Fratelli d’Italia D’Angelo è intervenuto di nuovo, rimarcando la sua distanza (e quella di Fratelli d’Italia) rispetto a Casapound:

Condivido la frase non condivido però che venga attaccata provocatoriamente davanti a una scuola, tra l’altro la scuola dove stiamo combattendo professori che tramite canzoni politicizzate portano la politica nelle classi.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, striscione di Casapound davanti alla scuola di “Bella ciao”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*