Pescara, l’Ora della Terra in difesa del Fratino

L’Ora della Terra, l’evento in difesa dell’ambiente sponsorizzato dal Wwf , punta a sviluppare una maggiore consapevolezza sui temi dell’ecologia e della protezione ambientale, per salvaguardare il nostro pianeta dalle minacce dei cambiamenti climatici.

A Pescara gli studenti del Liceo Marconi, con i volontari del WWF, hanno ripulito la spiaggia a ridosso del Ponte sul Mare nei pressi della Madonnina dai detriti di plastica spiaggiati dalle mareggiate. L’area dunale, ha sottolineato Nicoletta Di Francesco del wwf Chieti Pescara,  è stata scelta dagli ambientalisti in quanto numerosi esemplari di Fratino realizzano i loro nidi per la riproduzione. Lo scorso anno, è stato detto ancora, circa dieci coppie hanno scelto l’area a ridosso dei trabocchi per la nidificazione. Purtroppo non tutte le uova sono giunte alla schiusa in quanto una colonia di gatti ed alcuni cani randagi hanno distrutto i nidi. L’anno scorso l’effetto domino dell’Ora della Terra ha registrato numeri da capogiro: 7000 città e oltre 184 paesi e regioni del mondo, centinaia di milioni di persone e per l’hashtag #EarthHour oltre 3 miliardi di azioni social rendendo ancora più popolare il tema della necessità di agire sui cambiamenti climatici.

Sii il primo a commentare su "Pescara, l’Ora della Terra in difesa del Fratino"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*