Roseto: sesso nel pub, due condanne e un’assoluzione

Tribunale-Teramo

Roseto: sesso nel pub, due condanne ed un’assoluzione, la decisione dei giudici del Tribunale di Teramo.

A distanza di 4 anni dal sequestro, a Roseto, del disco pub La Contessa, questa mattina i giudici del Tribunale di Teramo hanno condannato per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione il gestore del locale Denise Galluzzi, 37 anni, condannata a due 2 anni e 6 mesi e la responsabile di sala Grazine Bozena Dworakowska, 58 anni, condannata a 1 anno e 8 mesi (quest’ultima con pena sospesa). Assolto invece per “non aver commesso il fatto” Maurizio Zani, all’epoca legale rappresentante del disco pub. Per le due donne i giudici del collegio (presidente Flavio Conciatori, a latere Franco Tetto ed Enrico Pompei), hanno disposto anche le pene accessorie dell’interdizione dai pubblici uffici e dagli uffici di tutela e curatela per la stessa durata della pena. Il pm Andrea De Feis aveva chiesto per tutti la condanna a 4 anni e 2 mesi. I fatti che erano stati contestati ai tre imputati risalgono al 2011, quando il locale fu sequestrato al termine di un’indagine condotta dalla squadra mobile della Questura di Teramo. All’epoca gli agenti, fingendosi clienti, ripresero con delle telecamere nascoste quello che avveniva nel locale, dove secondo l’accusa le ballerine venivano smistate ai diversi tavoli per poi farsi toccare dai clienti dietro compenso: 30 minuti di compagnia per una somma di 50 euro. A coordinare le indagini, all’epoca, fu il pm Irene Scordamaglia.

Sii il primo a commentare su "Roseto: sesso nel pub, due condanne e un’assoluzione"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*