Omicidio Bucco: si va verso l’archiviazione?

Omicidio Bucco: si va verso l’archiviazione? Il 7 aprile del prossimo anno si terrà l’ udienza per decidere sull’ archiviazione. I legali dei familiari della vittima si sono opposti alla richiesta del pm Gennaro Varone.

E’ stata fissata al 7 aprile del 2016, davanti al gip del tribunale di Pescara, Nicola Colantonio, l’udienza per decidere se accogliere la richiesta di archiviazione presentata dal pm Gennaro Varone, in merito al caso di Nicola Bucco, l’operaio di 53 anni che il pomeriggio del 14 novembre 2012 venne trovato in una pozza di sangue, nella sua abitazione al piano terra di via Leopardi a Pescara. L’uomo fu ucciso a coltellate, ma il delitto é ancora senza un colpevole. I legali dei familiari di Bucco, Alberto Faccini Caroppo e Enrico Della Cagna si sono opposti alla richiesta del pm, denunciando lacune nelle indagini e chiedendo che vengano svolti ulteriori approfondimenti.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Omicidio Bucco: si va verso l’archiviazione?"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*