Acerbo (Prc) risponde a Mussolini: “Beva olio ricino in memoria nonno”

acerbo-mussolini1

“Invece di minacciare denunce su Facebook chieda scusa per i crimini di suo nonno e si beva un bicchiere di olio di ricino alla sua memoria,” lo scrive Maurizio Acerbo sulla sua pagina social.

Il segretario nazionale del Partito della Rifondazione Comunista Sinistra Europea,  il pescarese Maurizio Acerbo, risponde, senza mezzi termini, alle affermazioni di Alessandra Mussolini di denunciare le eventuali frasi offensive nei confronti del nonno Benito Mussolini.

”Cara Alessandra, – scrive Acerbo – suo nonno è stato un traditore del movimento operaio e socialista, il mandante di una serie interminabile di violenze squadriste e omicidi di oppositori politici in tutto il paese e all’estero, il dittatore criminale che ha soppresso ogni libertà in Italia facendo da modello per Hitler, il responsabile dei crimini coloniali costati 500.000 vittime, delle leggi razziali e della deportazione degli ebrei, dell’entrata in guerra al fianco della Germania nazista e della morte quindi di centinaia di migliaia di italiani, di aver disonorato il nostro paese e di averlo lasciato in macerie. Suo nonno ha inventato il fascismo. Invece di minacciare denunce su Facebook chieda scusa per i crimini di suo nonno e stasera si beva un bicchiere di olio di ricino alla sua memoria”.

5 Commenti su "Acerbo (Prc) risponde a Mussolini: “Beva olio ricino in memoria nonno”"

  1. Vorrei ricordarvi che non è ricordando gli errori di questa o dell’altra parte che si giustificano i propri, oltre al fatto che il Prc si differenzia dal PCI appunto per il suo essere antiStalinista

    • E allora spiegateci cosa significa “Rifondazione Comunista”. Se rifondazione comunista si differenzia dal PCI per il suo essere antistalinista, non si potrebbe costituire il partito di “Rifondazione Fascista”, dal momento che potrebbe anch’esso essere antimussoliniano?

  2. ILIC SAVIC | 19/10/2018 di 14:47 | Rispondi

    Tutto quello che ha scritto il pescarese è acqua calda, in confronto ai 100 milioni di morti causati dal cancro che l’intera umanità mondiale abbia mai conosciuto i comunisti e marmaglia varia.

  3. Certo…ha ragione…ma i 20 milioni morti nei gulag?…le deportazioni staliniane?…gli omicidi degli avversari politici da parte di Stalin e compqgnia?….
    Da che pulpito viene la predica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*