Sulmona: gattino ucciso a bastonate, condannato

gattino111

Aveva ucciso a bastonato un gattino di poche settimane e poi gettato dal balcone, condannato 71 enne di Sulmona.

Con crudeltà inaudita aveva ucciso a bastonate il gattino, buttandolo dal balcone, tanto che la dirimpettaia, una signora di origini ucraine, si era ribellata chiamando i Carabinieri e sporgendo una denuncia querela. Alla fine il giudice ha inflitto all’uomo, un 71 enne di Sulmona, una condanna, con l’accusa di uccisione di animali, grazie al patteggiamento a un mese e 24 giorni di reclusione. Una pena ridotta perché la legge prevede dai quattro mesi ai due anni per chi per crudeltà e senza necessità provoca la morte di un animale. L’episodio era avvenuto il 23 agosto del 2013, quando prima con un getto d’acqua della pompa aveva cercato di allontanare dalla terrazza condominiale mamma gatta con i suoi cuccioli, poi non riuscendovi, con un manico di scopa aveva ripetutamente colpito il gattino fino a ucciderlo e farlo precipitare dal balcone.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Sulmona: gattino ucciso a bastonate, condannato"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*