Sicurezza urbana, la parola ai sindaci-poliziotto

Come si gestisce la sicurezza urbana in piccoli centri come i Comuni dell’entroterra, da sempre alle prese con carenze di personale e di risorse? Se ne è discusso questa mattina in occasione di un convegno che il sindacato indipendente di Polizia Coisp ha organizzato alla questura dell’Aquila.

Ospiti particolari i sindaci di due piccoli Comuni, quello di Montereale Massimiliano Giorgi – alle prese anche con le problematiche del post-sisma – e quello di Cappadocia, Lorenzo Lorenzin, primo cittadino del Comune marsicano di 700 persone, che durante l’estate vede triplicare le sue presenze.

Si è parlato anche della sicurezza nelle città e delle innovazioni del decreto legge 14 del del febbraio 2017 (disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città).

“La scelta di parlare di questi temi con loro”, dice in una nota il segretario del Coisp aquilano Santino Li Calzi, “è dovuta la fatto che entrambi hanno una visuale delle tematiche della sicurezza sia da Amministratori dei loro territori che da chi si prodiga, in quanto poliziotti, ogni giorno per garantire la “legalità”.

Al termine del convegno il segretario generale del Coisp Domenico Pianese ha parlato delle opportunità del “riordino delle carriere” e sulle prospettive di un rinnovo contrattuale che il comparto sicurezza attende da 9 anni.

 

 

 

 

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Sicurezza urbana, la parola ai sindaci-poliziotto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*