Sevel: sciopero, per Fiom 50% adesione, per azienda 8,6%

sevel1

Sciopero alla Sevel: secondo Fiom, adesione al 50%, per l’azienda, invece, all’8,6%. I lavoratori protestano contro straordinari di luglio e ferie scaglionate.

“Il nostro monitoraggio fa venir fuori un dato inconfutabile: il 50% dei lavoratori ha scelto di non recarsi in fabbrica”. È quanto sottolinea Davide Labbrozzi, segretario provinciale Fiom, commentando l’esito del primo giorno di sciopero, su tre, indetto oggi alla Sevel di Atessa, per protestare contro il lavoro straordinario a luglio, ferie scaglionate da giugno ad ottobre, recupero a data da destinarsi delle fermate tecniche e straordinari a fine turno per chi lavora di notte; secondo fonti aziendali invece ad aderire allo sciopero sarebbe stato solo l’8,6% dei lavoratori.

“L’adesione allo sciopero indetto dalla Fiom in Sevel – dice Labbrozzi – ha fatto registrare una massiccia adesione, numeri che per un’astensione dal lavoro generale di stabilimento non si riscontravano da tanto tempo. La Sevel ha tentato di correre ai ripari con le solite operazioni di reclutamento di personale dagli altri turni. Tante persone – aggiunge il segretario Fiom – sono state fatte rimanere dal turno di notte e lavoratori del turno pomeridiano hanno anticipato l’attività lavorativa alle ore 11. Nonostante ciò, le linee sono andate a rilento e tanti furgoni sono usciti incompleti. Secondo il nostro monitoraggio il 50% dei lavoratori ha scelto di non recarsi in fabbrica”. Le prossime giornate di sciopero proclamate dalla Fiom si terranno il 16 e 24 luglio, con 8 ore di astensione dal lavoro su tutti i turni.

L’azienda, invece, sottolinea che “allo sciopero stamattina ha aderito solo l’8,9% degli operai impegnati nel turno”.

“In particolare – si legge in una nota – 138 persone sulle 1.550 previste. Se si considerano anche gli impiegati, una cinquantina, la percentuale di adesione scende all’8,6%”. Secondo l’azienda “lo sciopero non ha influito sulla produzione perché come da programma sono stati prodotti 375 furgoni”. “Il turno di sabato straordinario rientra nell’ambito di quelli previsti dal contratto collettivo specifico di FCA e fa riferimento a picchi di richieste da parte del mercato europeo dei veicoli commerciali”.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

2 Commenti su "Sevel: sciopero, per Fiom 50% adesione, per azienda 8,6%"

  1. gil upnatistim | 09/07/2016 di 23:46 | Rispondi

    Fiom .. secondo me siete il cancro dello stabilimento di Atessa.. è solo questione di tempo ma riuscirete a fare i vostri danni.

  2. gil upnatistim | 09/07/2016 di 23:45 | Rispondi

    Fiom.. Voi siete il cancro dello stabilimento di Atessa.. non so come ma alla fine riuscirete ad annientarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*