Roccamontepiano: profughi a lavoro per il Comune

roccamontepiano11

A Roccamontepiano, 24 profughi lavorano per il Comune e così ripagano l’accoglienza che viene data loro nel piccolo centro della provincia di Chieti.

Sono accolti già da qualche mese nel centro di prima accoglienza gestito dal consorzio Matrix presso “L’Ostello, l’asilo”. Così 24 cittadini richiedenti asilo svolgono mansioni di pubblica utilità che li aiutano a integrarsi nella comunità e a contraccambiare l’accoglienza che viene data loro. La Pro loco giovani ed altre associazioni avevano organizzato per i 24 profughi, una vera e propria festa di benvenuto. Gli immigrati ospiti di Roccamontepiano tinteggiano edifici pubblici, puliscono cunette, svolgono il medesimo lavoro degli operai comunali, in modo gratuito però. L’iniziativa nasce dalla convenzione stipulata tra Comune, consorzio Matrix e Prefettura di Chieti, con i cittadini immigrati che sono stati assicurati proprio dal consorzio Matrix per eventuali infortuni sul lavoro. I profughi sono per lo più di origine africana, ma provengono anche da altri Stati come l’Afghanistan, tutti molto giovani, tra i 20 e i 30 anni. Il sindaco di Roccamontepiano Donatucci e il consigliere comunale Carulli affermano che questi ragazzi si stanno comportando bene, hanno già fatto amicizia e che bisogna dare loro una possibilità per una vita migliore.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Roccamontepiano: profughi a lavoro per il Comune"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*