Questura dell’Aquila, il bilancio del 2015: reati in calo

Quasi 7.400 reati nel 2015 contro i circa 10mila nel 2013; 55 rapine quest’anno contro le 59 nel 2013 e le 71 nel 2014 in provincia dell’Aquila.

E poi l’immigrazione che cresce anche se in provincia in modo contenuto rispetto ad altre in Abruzzo in Italia, salendo dalle 14.022 presenze del 2013 alle 14.510 di quest’anno. Sono alcuni dei dati che tracciano le attività della Polizia di Stato dell’Aquila, nell’anno che ha segnato importati cambiamenti con l’arrivo del nuovo questore, Alfonso Terribile. Un anno segnato anche da importanti inchieste – molte sono ancora in corso – con indagini significative nell’ambito della ricostruzione e della corruzione negli appalti della ricostruzione, nel calcio scommesse che ha coinvolto anche L’Aquila Calcio, nella prostituzione, l’arresto nei giorni scorsi dello stalker seriale che ha terrorizzato mezza città.

A fare il bilancio delle attività della Polizia di Stato per il 2015 il questore Terribile, che ha seguito – come promesso al suo insediamento – la strada tracciata dal suo predecessore Vittorio Rizzi.

Tante le iniziative nelle scuole, contro il bullismo, per sensibilizzare la cittadinanza a riconoscere i casi di abuso e di truffa, di lotta contro gli abusi sulle donne.

La Questura si avvicina ai cittadini ancora di più con una pagina Facebook aperta ufficialmente oggi. Sarà possibile trovarvi informazioni, consigli, contatti.

Affianco al questore anche la dirigente della Divisione anticrimine Maria Gabriella Ligregni, il capo della Volante Nicola Di Pasquale, il nuovo portavoce Alessandro Gini, il dirigente della squadra Mobile Maurilio Grasso.

il video

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Questura dell’Aquila, il bilancio del 2015: reati in calo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*