Pescara: via la Goletta di Eriberto da riviera

barca-eriberto1

Da mercoledì sono iniziati i lavori per la rimozione della storica Goletta di Eriberto dalla riviera nord, per esigenze di pubblica incolumità.

Anche la famiglia di Eriberto Mastromattei, storico e compianto pioniere della balneazione di Pescara, si è dovuta arrendere, per esigenze di pubblica incolumità, a causa della barca ormai malandata e a rischio crollo, di fronte alla scelta di rimuove la Goletta. Da mercoledì sono iniziati i lavori per togliere la barca e liberare l’aiuola adiacente allo stabilimento balneare Jumbo. Una barca a cui la famiglia di Eriberto è legata, come racconta a Paolo Vercesi de “Il Messaggero” Daniela, nipote di Eriberto: acquistata nel 1973 da suo padre, l’imbarcazione ha visto tante traversate e vacanze. Poi, dopo la scomparsa del papà, navigò sempre meno e fu ormeggiata al porto turistico. Proprio Eriberto, zio di Daniela, la volle portare davanti al suo stabilimento balneare, il Jumbo, come fosse un simbolo e un monumento. Insomma, con la rimozione della barca, va via un pezzetto di storia della città di Pescara, del suo mare e dei suoi personaggi.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Pescara: via la Goletta di Eriberto da riviera"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*