Non chiamateli nudisti, nella spiaggia naturista d’Abruzzo (Foto)

Viaggio nella prima spiaggia naturista d’Abruzzo, Lido le Morge, che si sta preparando per l’Estate, fortemente voluta dall’Associazione naturista d’Abruzzo e dal Conune di Torino di Sangro.

Uno stile di vita e di vivere a contatto con la natura, foto e commenti si possono trovare sulla pagina Facebook della spiaggia naturista Lido Punta le Morge e sul sito internet ufficiale per avere tutte le informazioni e per iscrivervi, qualora lo vogliate, CLICCA QUI

“Il naturismo e’ un modo di vivere in armonia – si legge nella descrizione sul sito- con la natura caratterizzato dalla pratica della nudita’ in comune che ha lo scopo di favorire il rispetto di se stessi, il rispetto degli altri e quello dell’ambiente”.

“Il naturismo – proseguono – è un movimento sano, pacifico, educativo, apolitico e di socializzazione, che non ha nulla a che fare con la trasgressione ma, anzi, è vissuto in un ambiente ideale per tutta la famiglia. Esso promuove la pratica della vita all’aria aperta, dell’esercizio fisico, dell’alimentazione naturale e vegetariana, della medicina naturale, la protezione dell’ambiente, della natura e degli animali; promuove inoltre la lotta contro l’inquinamento, il consumismo, l’abuso dell’alcool e l’uso del tabacco e delle sostanze stupefacenti”.

“Molti e ottimi motivi vi sono per diventare naturisti”, si legge sul sito di www.abruzzonaturista.it:

– perché uno dei modi migliori per apprezzare la natura è entrare in simbiosi con essa senza alcun artificioso orpello che finirebbe per costituire una barriera;artificioso orpello che finirebbe per costituire una barriera;

– perché sentire i raggi del sole, il soffio del vento e l’acqua del mare su ogni centimetro di pelle del proprio corpo non può essere spiegato solo con le parole;

– perché fare una passeggiata nudi in riva al mare o in un bosco è semplicemente meraviglioso;

– perché i nostri figli crescono senza l’ossessione del corpo nudo e con una grande capacità di relazionarsi con l’altro sesso;

– perché l’abbronzatura è più bella senza il segno bianco del costume e asciugarsi al sole è più rilassante senza una stoffa bagnata addosso;

– perché si impara a vivere in maniera sana, facendo esercizio fisico e mangiando cibi biologici rifiutando l’abuso di bevande alcoliche e l’uso del tabacco e delle sostanze stupefacenti;

– perché è giusto tutelare ogni forma di essere vivente e in particolar modo quella animale contrastando la caccia e la vivisezione;

– perché se il mondo fosse naturista non ci sarebbero lo sfruttamento del corpo, in particolare di quello femminile, e il consumismo sfrenato che porta all’inquinamento ambientale e morale.

E c’è un vero e proprio statuto: CLICCA QUI

1 Commento su "Non chiamateli nudisti, nella spiaggia naturista d’Abruzzo (Foto)"

  1. non ci sarà mai in italia la consapevolezza che il naturismo deve essere considerato libero da quelle che la maggior parte della gente considera depravazione e soprattutto le forze dell’ordine considerano atti osceni per il solo fatto di prendere il sole integrale come succede in tutta europa …siamo ancora in alto alto alto mare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*