L’Aquila, sisma: la scuola di Sassa nel degrado

La struttura abbandonata nel degrado dopo il sisma

La Scuola media statale di Sassa abbandonata nel degrado dopo il sisma dell’Aquila

Libri e quaderni accatastati alla meno peggio in aule abbandonate nella polvere, banchi riversi e ormai piegati dall’umidità, archivi con documenti -pagelle e chissà cos’altro – lasciati alla mercé di tutti.

Bagni con perdite d’acqua e una palestra enorme con canestri per il basket, attrezzi per la ginnastica ancora in buono stato nonostante siano inutilizzati da sei anni, da quando il terremoto ha reso inagibile ma non gravemente la Scuola media statale di Sassa, ridotta così: totalmente abbandonata alle intemperie e alle infiltrazioni di acqua che rischiano di danneggiare ciò che ancora è sano.

E poi, all’esterno un grande parco alberato e quello che un tempo doveva essere un giardino ridotti a una foresta incolta che rende difficile anche il passaggio. A denunciare lo stato in cui si trova la scuola, un tempo in grado di accogliere almeno fino 200 studenti provenienti da tutto il comprensorio, è il consigliere del Nuovo centro destra, Alessandro Piccinini. Una frazione, quella di Sassa – denuncia Piccinini – completamente abbandonata a se stessa.

Il servizio del Tg8:

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, sisma: la scuola di Sassa nel degrado"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*