L’Aquila, Confcommercio: “No ai pre-saldi scorretti”

Comportamenti scorretti da parte di operatori commerciali dell’Aquila ma anche di altre città in regione che, nell’imminenza dell’avvio delle vendite di fine stagione il prossimo 5 gennaio, stanno già effettuando dei veri e propri pre-saldi.

Corsa ai pre-saldi ricorrendo a ogni espediente: messaggi su social network, sms, o addirittura pubblicizzando manifestamente i prodotti in saldo in un periodo nel quale le disposizioni legislative in materia vietano le vendite promozionali. A lanciare l’allarme è la Confcommercio regionale, che in una lettera indirizzata al sindaco Pierluigi Biondi, alla polizia municipale e all’assessore al Commercio Alessandro Piccinini invita le autorità a intervenire per contrastare quella che viene bollata come “concorrenza sleale” nei confronti degli imprenditori che agiscono nel rispetto della legalità. Imprenditori – sottolinea il direttore regionale della Confcommercio Celso Cioni – che hanno il diritto di essere tutelati, soprattutto in una situazione di grave crisi che il piccolo commercio non riesce ancora a lasciarsi alle spalle. Cioni estende l’appello anche alle istituzioni delle altre città d’Abruzzo.

IL SERVIZIO DEL TG8:

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, Confcommercio: “No ai pre-saldi scorretti”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*