Duplice omicidio Pescara: presto le salme in Polonia

Sono arrivati dalla Polonia i parenti di Kystyna e Arkadiusz Miksza, madre e figlio di 53 e 22 anni uccisi nella loro abitazione di Pescara il 24 gennaio scorso.

L’altro figlio della donna, Pavel, accompagnato dalla moglie e da un cugino, ha incontrato il vice sindaco di Pescara Del Vecchio che sta seguendo la vicenda, anche per assicurare un contributo per le spese funebri e agevolare il rientro in patria della salme. Il giovane ha incontrato anche alcune colleghe della madre, che faceva la collaboratrice domestica, e oggi, prima di ripartire per la Polonia, vedrà l’ex fidanzata del fratello. In Polonia sarà necessario attendere ancora qualche giorno, per il via libera da parte dell’ambasciata.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Duplice omicidio Pescara: presto le salme in Polonia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*