Canosa Sannita, schianto nella notte: due giovani vittime e un ferito grave

Canosa Sannita: tragico schianto nella notte tra un’auto e una moto, due giovani vittime, una terza persona è in gravi condizioni.

Il tragico incidente è avvenuto, intorno alle 23.30 alle porte di Canosa Sannita. Si è trattato di un frontale lungo la strada provinciale nei pressi della Cantina Sociale. Terribile l’impatto tra l’auto, un’Alfa Mito, e lo scooter Aprilia Scarabeo. Le vittime sono un 19 enne di origine rumena, Sebastian Bogdan Draga (nella foto a sinistra) che viaggiava sullo scooter residente a Tollo e deceduto all’ospedale di Pescara dove era stato trasportato in gravissime condizioni, e il passeggero a bordo dell’auto, Lorenzo Polidori (nella foto a destra), 26 enne sempre di Tollo che è invece morto sul colpo. Mentre sarebbe fuori pericolo il conducente, M.C, 32 anni, anch’egli di Tollo, ricoverato all’ospedale di Chieti, comunque in prognosi riservata. Sono stati gli automobilisti di passaggio a lanciare l’allarme e hanno parlato di uno scenario pauroso, tra lamiere contorte, sangue in strada e i soccorritori al lavoro per estrarre i corpi. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri, il 118 e i Vigili del Fuoco. L’auto, secondo una prima ricostruzione, dopo l’impatto con lo scooter si è ribaltata più volte e ha travolto due pali ai margini della carreggiata. Sconvolta l’intera comunità di Tollo per la perdita di due giovani vite di ragazzi conosciuti in paese.

“Lorenzo – scrive il sindaco di Tollo Angelo Radica che esprime la sua vicinanza alle famiglie dei giovani ed è anch’egli provato –  da poco aveva avviato un’azienda agricola in proprio con il primo insediamento del Psr. Il ragazzo di origini rumene aveva 19 anni ed era figlio di un bracciante agricolo che lavorava in un’azienda agricola locale e si era perfettamente integrato nella comunità tollese”.

(Sotto le due vittime del drammatico incidente)

vittime-incidente-canosa1

 

 

 

Sii il primo a commentare su "Canosa Sannita, schianto nella notte: due giovani vittime e un ferito grave"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*