Antonio Razzi come… Che Guevara

Sta facendo il giro del Web la foto del senatore Antonio Razzi da ragazzo, immortalato in una immagine dove sembra … il Che.

Del senatore Antonio Razzi parlano anche alcune foto che lo immortalano, soprattutto nel passato, con dei “look” che di certo non passano inosservati. Dopo quella del matrimonio, la foto più gettonata è stata pubblicata da Maperò, il seguitissimo blog di Lilli Mandara, al quale il senatore più imitato della TV ha rilasciato una lunga intervista. Razzi, senza peli sulla lingua non ha usato toni morbidi soprattutto per alcuni colleghi di partito ma ne ha per tutti (o quasi): “Chi mi insulta non ha mai lavorato in vita sua”, ha detto nella lunga intervista a “Maperò”. A fare il giro del Web con relativi commenti e quell’ironia a cui Razzi ormai s’è abituato, la foto del giovane Antonio che somiglia nientemeno che… al Che.  Barba e basettoni, sguardo imbronciato e un’andatura che ricorda quella di alcune foto del Che. Anche chi ritiene il paragone un po’ azzardato deve arrendersi di fronte all’evidenza di una somiglianza, almeno fisica, che c’è anzi Che.

Il Video – Razzi risponde a Crozza: “Fatti li ca…i tua!”

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Antonio Razzi come… Che Guevara"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*