Ricostruzione, Fondo etico dell’Ance: presentato il bando

Ricostruzione lLAquila

Le imprese della ricostruzione protagoniste anche della rinascita sociale del territorio colpito dal sisma.

Anzi, deve riconnettere, il tessuto sociale per superare lo smarrimento e la disgregazione che, nel cratere sismico più che altrove, sono aggravati dalla sofferenza economica. Il Fondo etico, lanciato un paio di anni fa, entra nel vivo. Questa mattina è stato presentato il bando, che sarà però pubblicato il 3 maggio. Il meccanismo è semplice: Le imprese operanti nella ricostruzione ed aderenti al Fondo (si spera nel maggior numero possibile di adesioni) devolveranno una percentuale del 2 per mille degli importi parametrata ai lavori pubblici e privati che andranno ad eseguire nella ricostruzione post sisma. I fondi ricadranno nell’area dove le imprese svolgeranno i lavori, che sia L’Aquila o uno dei Comuni del cratere”.

A capo del fondo etico c’è l’ex dirigente del Diset, il Dipartimento dello sviluppo delle economie territoriali, Aldo Mancurti, che ha avuto un ruolo importante nella gestione della fase della ricostruzione post sisma all’Aquila, al fianco dell’allora ministro per la Coesione sociale Fabrizio Barca. Per lui un legame che continua, quello con la città, che “a questi ritmi – dice – fra tre anni sarà completamente ricostruita”.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Ricostruzione, Fondo etico dell’Ance: presentato il bando"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*