Berlusconi: “Se vinciamo prendo casa a Teramo”

Sarebbe pronto a prendere casa a Teramo Silvio Berlusconi, ma solo in caso di vittoria alle elezioni politiche.

Quella che per qualcuno suona come una minaccia, per altri ha il sapore di un regalo inaspettato: quando in campo scende Silvio Berlusconi è sempre così, c’è chi lo odia e chi lo ama, politicamente parlando. Stavolta però non c’è di mezzo solo la politica, visto che dopo le elezioni l’ex cavaliere potrebbe cambiare anche le proprie abitudini di vita. O almeno questo accadrebbe se Berlusconi dovesse mantenere fede alla promessa fatta al sindaco di Teramo, Maurizio Bruchi: “Se vinciamo alle politiche prendo casa in una delle città terremotate”. Ora è vero che la lista purtroppo è lunga, ma pare proprio che Teramo sia in cima ai desiderata urbani del leader di Forza Italia. Lo avrebbe dichiarato a Fiuggi, a margine del convegno azzurro, nel corso di un incontro ristretto con quattro sindaci di città terremotate: Arquata del Tronto, Ascoli Piceno, Norcia e appunto Teramo. L’affermazione è stata accolta con giubilo dal primo cittadino di Teramo, convinto che la presenza di Berlusconi – che porterebbe in dote l’esperienza aquilana – darebbe un impulso risolutivo ai problemi del post sisma.

Il servizio del Tg8:

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Berlusconi: “Se vinciamo prendo casa a Teramo”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*