Ricostruzione, l’Idv vuole una commissione d’inchiesta

Come sono stati spesi i 12 miliardi usati finora per l’emergenza post-sisma e per la ricostruzione? In base a quali criteri si è scelto di realizzare l’immenso patrimonio immobiliare delle new town? Come sono state costruite, visto che cadono a pezzi a sette anni dal terremoto?

Su queste e altre domande sull’intera vicenda della ricostruzione dell’Aquila e del cratere sismico, l’Italia dei valori vuole dare una risposta con l’istituzione di una Commissione parlamentare d’inchiesta. A questo scopo è stato presentato un disegno di legge d’iniziativa dei senatori dell’Idv Maurizio Romani e Alessandra Bencini, illustrata all’Emiciclo questa mattina alla presenza anche del segretario nazionale dell’Idv, Ignazio Messina, e dal segretario regionale Lelio De Santis.

Si tratta del terzo disegno di legge per l’istituzione di una commissione d’inchiesta dopo quello della senatrice del Movimento 5 stelle, Enza Blundo e della senatrice del Pd Stefania Pezzopane.

Per Messina la parola d’ordine è fare chiarezza e quindi fa un appello a tutti i parlamentari a unire le forze in tal senso.

“La ricostruzione dei territori colpiti dal sisma – ha detto – si fa d’altra parte con i soldi di tutti i cittadini italiani”.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Ricostruzione, l’Idv vuole una commissione d’inchiesta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*