Vasto: pista da ciclabile a mulattiera, indaga Corte dei Conti

vasto-pista-ciclabile-mulattiera

A Vasto la pista ciclabile di Vallone Lebba, diventa da ciclabile a… mulattiera e la Corte dei Conti indaga per un sospetto di danno erariale.

Realizzata nel 2010 con i fondi del patto Trigno-Sinello dall’impresa Colanzi snc di Casoli che si aggiudicò l’appalto, il percorso di Vallone Lebba è costato 600 mila euro, di cui 365 mila per la realizzazione della pista, 57 mila per gli onorari dei professionisti, 5 mila per i tecnici comunali, 20 mila per il totem e il touch screen e 137 mila per la cartellonistica, di cui 37 mila euro per un video.

Tuttavia, nonostante le somme ingenti e la giovane età del progetto, la pista ciclabile ad oggi risulta impercorribile, a giudicare dalle erbacce che invadono il percorso, le staccionate rotte e le crepe nell’asfalto, segnalate dai ciclisti e ora attenzionate dalla magistratura contabile, che cercherà di chiarire se il percorso è ridotto così per carenza di manutenzione o per una non corretta esecuzione delle opere.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Vasto: pista da ciclabile a mulattiera, indaga Corte dei Conti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*