Teramo: università, i Rom come minoranza linguistica storica

Rom

Teramo: l’università in prima linea per il riconoscimento dei Rom come minoranza linguistica storica. La proposta di legge sarà presentata giovedì 11 febbraio 2016 alle ore 14:30, presso la sala stampa della Camera dei Deputati in piazza Montecitorio a Roma.

La proposta di legge, elaborata in prima battuta da un gruppo di studiosi dell’università degli studi di Teramo insieme con la fondazione Romanì Italia e l’associazione LEM-Italia (Lingue d’Europa e del Mediterraneo), a lungo divulgata presso le comunità romanì d’Italia, è stata fatta propria dalla sfera politica e depositata alla Camera dall’onorevole Gianni Melilla, primo firmatario, e da altri venti parlamentari (http://www.camera.it/leg17/126?tab=1&leg=17&idDocumento=3162&sede=&tipo=).

Alla conferenza stampa interverranno: l’onorevole Gianni Melilla, deputato dell’ufficio di presidenza della Camera dei Deputati; l’onorevole Arturo Scotto, presidente del gruppo SEL e SI – Camera dei Deputati; Luciano D’Amico, magnifico rettore dell’università degli studi di Teramo; Giovanni Agresti, professore dell’università degli studi di Teramo; Pierfranco Bruni, ministero dei beni artistici, culturali e del turismo; Vincenzo Pepe, presidente nazionale Fare Ambiente; Vesna Vuletic, associazione Idea rom onlus; Corsina Depalo, associazione Eugema onlus; Enzo Abruzzese, associazione Lav romanò; Bruno Morelli, artista rom; Nazzareno Guarnieri, fondazione Romanì Italia.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Teramo: università, i Rom come minoranza linguistica storica"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*