Randagismo: se il cane morde, paga il Comune

randagismo

Randagismo: se il cane morde, paga il Comune. La recente sentenza emessa da un  giudice di pace di Chieti, parla chiaro: “Del danno cagionato da animale, risponde il proprietario per responsabilità oggettiva”.

Il proprietario del randagio meticcio di grossa taglia, dotato di microchip, che nel febbraio del 2012 ha assalito un Albanese di 35 anni, era proprio il comune di Chieti che ora, sentenza alla mano, dovrà sborsare 2.390 euro, di cui 1.296 di risarcimento danno e 1.094 di spese di lite.

Il 35enne stava passeggiando in via De Turre, nella zona di Madonna degli Angeli, quando è stato morso dal randagio alla gamba sinistra. Trasportato in ambulanza in ospedale, è stato medicato e dimesso con una prognosi di qualche giorno.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Randagismo: se il cane morde, paga il Comune"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*