Pescara: la notte bianca del liceo classico

liceo-classico-pescara

Pescara: notte bianca al liceo classico “Gabriele d’Annunzio”, ieri dalle 17 a mezzanotte, patrocinata dal Comune e dalla Provincia di Pescara, insieme all’Agiscuola e al centro ricerche e studi nazionale “Alessandro Cicognini”.

Parole d’ordine entusiasmo e libertà: l’entusiasmo della curiosità che stimola al sapere e la libertà della mente di spaziare nelle terre sconfinate della conoscenza. Laboratori ed esibizioni degli studenti hanno animato la notte bianca del Classico pescarese tra danza, performance artistiche, recital teatrali, concerti, gare sportive e dibattiti alla presenza di rappresentanti delle istituzioni, docenti e genitori. La grande festa è stata anche una giornata di orientamento in entrata e in uscita per gli studenti, con simulazione di test di ammissione alle facoltà universitarie a numero chiuso per i diplomandi.

Ospite della notte bianca è stato l’attore Michele Placido che, accompagnato al pianoforte da Davide Cavuti, ha recitato Dante, Shakespeare, Flaiano, d’Annunzio e Silone.

Non sono mancati ovviamente i grandi classici reinterpretati dagli studenti in chiave moderna come l’Iliade di Omero cantato in rap.

Spazio anche ai dibattiti con la tavola rotonda, moderata dalla giornalista Daniela Senepa, a cui hanno preso parte esperti del foro, della politica e dell’università.

Soddisfatta la dirigente Donatella D’amico, che ha detto: “Il compito più difficile della scuola è quello di aiutare i giovani a trovare la curiosità, l’entusiasmo e la voglia di scoprire e imparare ogni giorno qualcosa di nuovo in un mondo in continuo cambiamento”.

Guarda il video:

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Pescara: la notte bianca del liceo classico"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*