Pescara: botti vietati a Capodanno, sì alle lanterne

Pescara: niente Capodanno col botto nel comune adriatico. L’amministrazione cittadina vieta infatti gli scoppi nelle aree pubbliche, ma si dice favorevole all’utilizzo delle più sobrie lanterne.

L’ordinanza, entrata in vigore il 21 dicembre, sarà attiva fino al 7 gennaio, prevedendo multe da 25 a 500 euro per tutti i trasgressori. Così potranno essere evitati danni a persone e cose, oltre a scongiurare gli effetti traumatici sugli animali, spaventati dal frastuono dei festeggiamenti pirotecnici.

Altre raccomandazioni arrivano però anche dalle forze dell’ordine: occhio all’acquisto dei fuochi. Se decidete di comprarli e utilizzarli in comuni che non ne fanno divieto, ricordatevi che quelli regolari devono riportare sulla confezione un’etichetta con alcune indicazioni precise, come il nome del prodotto, la ditta produttrice e le modalità d’uso.

E se proprio non potete fare a meno di accendere qualcosa, optate per le più sobrie e meno dannose lanterne: per quelle il comune pescarese non potrà multarvi.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Pescara: botti vietati a Capodanno, sì alle lanterne"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*