Montesilvano: da villa rom a sede della protezione civile

protezione-civile

Da villa confiscata a sede della Protezione civile di Montesilvano: cambia pelle l’immobile diventato di proprietà del Comune nel 2014.

Ha avuto esito positivo il sopralluogo effettuato ieri dall’assessore Ottavio De Martinis, dal dirigente del settore Pianificazione e Gestione territoriale Valeriano Mergiotti e dal responsabile della Protezione Civile di Montesilvano, Andrea Gallerati. L’ispezione nella casa di via Adige, confiscata a una famiglia rom, ha permesso di accertare l’ottimo stato dell’edificio.

«Abbiamo visionato l’immobile per verificarne le condizioni – ha detto De Martinis  al termine della visita – e predisporre tutta la documentazione necessaria per definire le pratiche di affidamento all’associazione di Montesilvano. Il dirigente ha esaminato lo stato dell’edificio ed effettuato delle misurazioni. La casa si trova in ottime condizioni. Ora sarà necessario procedere ai collaudi e alla preparazione dei documenti relativi anche agli impianti. Siamo convinti che la casa può rappresentare la sede ideale per ospitare i volontari della Protezione Civile».

Dal prossimo mese di novembre l’associazione che gestisce le emergenze sul territorio lascerà l’attuale sede di via Calabria e si trasferirà in via Adige, che diventerà sede di coordinamento di tutte le attività sancite dalla convenzione sottoscritta con il Comune per gestire le emergenze di Protezione Civile fino a dicembre 2017.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Montesilvano: da villa rom a sede della protezione civile"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*