Maiella e Morrone, la protesta continua

maiella morrone lavoratori

Maiella e Morrone, la protesta continua: oggi si decideranno le prossime mosse. Tornano a riunirsi oggi i 63 lavoratori dell’azienda speciale Maiella e Morrone, ancora in attesa del saldo delle mensilità.

La Maiella e Morrone si occupa dei servizi sociali in 16 Comuni della Val Pescara, in particolare assistenza agli anziani, alle persone diversamente abili e ai minori in difficoltà. I dipendenti, seppure non pagati, continuano a prestare la loro opera professionale per assicurare i servizi sociali alla comunità montana Maiella-Morrone. La protesta, iniziata mesi fa, trae origine dal mancato pagamento degli stipendi, una situazione che si trascina da mesi, nonostante le rassicurazioni ricevute dalla Regione. L’azienda speciale Maiella e Morrone, è oberata dai debiti ed è vicina al fallimento, ma certo non per colpa dei dipendenti. A loro resta l’obbligo di continuare a lavorare praticamente gratis, pena l’accusa di interruzione di pubblico servizio. Ora, dopo tante promesse, i lavoratori attendono risposte concrete sia sulle mensilità ancora da percepire che, più in generale, sul futuro dell’azienda. Di questo e delle modalità delle prossime proteste, si parlerà nella riunione prevista per oggi pomeriggio nella sala polivalente del Comune di San Valentino. All’incontro sono stati invitati anche i sindaci dell’ambito sociale 35, riferito al territorio della Val Pescara, e alcuni parlamentari abruzzesi.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Maiella e Morrone, la protesta continua"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*