L’Aquila: messaggi d’amore sulle multe, vigile a processo

multa

L’Aquila: utilizzava i verbali della polizia municipale non per elargire multe, ma per lasciare messaggi d’amore alla donna di cui si era invaghito. Per questo un vigile andrà a processo per atti persecutori.

Pio Carrozzi, vigile urbano aquilano di 60 anni, è accusato di aver tempestato  di messaggi una veterinaria in modo morboso e ossessivo, senza essere corrisposto, arrivando perfino a presentarsi nello studio della donna.

Secondo la squadra mobile che ha condotto le indagini, l’uomo non si sarebbe limitato solo a inviare messaggi sentimentali sul cellulare della donna, ma sarebbe arrivato perfino a lasciare sul parabrezza dell’auto della veterinaria un verbale della polizia municipale compilato non con una multa, ma con un messaggio personale.

Per il vigile imputato il processo è stato fissato a metà settembre.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila: messaggi d’amore sulle multe, vigile a processo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*