Garrufo, ragazzo si butta dal balcone dopo lite col padre

ospedale-corsia

Garrufo, ragazzo si butta dal balcone dopo lite col padre. Una lite col papà, un volo di sei metri e la vita che improvvisamente cambia per tutti, per chi avrebbe voluto farla finita e per chi sarebbe rimasto a torturarsi.

Solo che la vita non finisce, il volo dal balcone ha risparmiato la vita dell’aspirante suicida, appena un ragazzino, lasciando il padre a gestire una vicenda dolorosa per tutti. All’origine del gesto c’era stata una discussione tra padre e figlio quindicenne, con il primo che rimproverava al secondo alcune frequentazioni ritenute discutibili; il ragazzo avrà anche tentato di difendere i suoi amici, ma poi ha scelto un’altra strada, la peggiore: ha aperto di scatto la finestra e si gettato nel vuoto, di fronte al padre pietrificato dallo stupore. Questa la dinamica dei fatti raccontata dal padre, un operaio di Garrufo, ai Carabinieri della stazione di Nereto, che a loro volta hanno rimesso la relativa relazione alla procura della Repubblica teramana e al Tribunale dei Minori. Il ragazzo, ricoverato all’ospedale Mazzini di Teramo, è ancora sedato, i medici stanno seguendo le procedure per un graduale risveglio. Solo a quel punto si potranno se e quanto la situazione sia grave, si teme soprattutto che la caduta possa aver lesionato il midollo spinale.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Garrufo, ragazzo si butta dal balcone dopo lite col padre"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*