Chieti: pignoramenti per bolli auto del ’99, il Codacons attacca

bollo-auto

Chieti: stipendi pignorati per i bolli auto del 1999. Accade in Regione, ma dal capoluogo teatino arriva il contrattacco del Codacons in difesa dei cittadini.

Come’è possibile conservare le ricevute di diciassette anni fa? Se lo domandano i cittadini a cui in questi giorni stanno arrivando le cartelle esattoriali della Soget per i bolli auto del 1999, 2000, 2001 e 2002.

Vittorio Ruggieri, avvocato del Codacons di Chieti, lancia però la sfida e invita Luciano D’Alfonso, la sua giunta, i suoi consiglieri e la dirigente della regione che ha dato il via alle richieste di pagamenti, di pubblicare sul sito internet della Regione le ricevute dei rispettivi bolli dal ’99 al 2002. Perché, incalza Ruggieri, se neppure loro conservano le ricevute dei bolli di diciassette anni fa, non si capisce perché invece debbano conservarle i cittadini.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Chieti: pignoramenti per bolli auto del ’99, il Codacons attacca"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*