Avezzano: lite per sigarette, 6 anni per tentato omicidio

avezzano-tentato-omicidio

Avezzano: una lite per delle sigarette, l’aggressione a un connazionale, poi l’arresto e ora la condanna a 6 anni con l’accusa di tentato omicidio, aggravato da futili motivi. I fatti risalgono al 7 aprile scorso e riguardano un 38enne marocchino residente ad Avezzano, che alla stazione marsicana colpì un connazionale 24enne con una bottiglia rotta, ferendolo alla giugulare.

Il ragazzo, in coma, fu trasportato d’urgenza al San Salvatore de L’Aquila, dove subì un delicato intervento chirurgico per ricucire la vena recisa.

Sul posto intervennero la polfer, la polizia e i carabinieri. Il pubblico ministero aveva chiesto una pena di dieci anni di reclusione per il 38enne autore del gesto, che però è stato condannato a sei anni dal tribunale di Avezzano con rito abbreviato per tentato omicidio, aggravato da futili motivi.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Avezzano: lite per sigarette, 6 anni per tentato omicidio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*