Sulmona, straniera con ordigno bellico arrestata in ospedale

Con un ordigno innocuo nella borsa si reca in ospedale, arrestata una donna slovacca. Notte movimentata a Sulmona, intervengono gli artificieri.

Notte movimentata all’ospedale di Sulmona dopo che una donna slovacca, Stanislava Iokanoska, 45 anni, trasportata in pronto soccorso per accertamenti, è stata trovata con un ordigno bellico nella borsa. Per capire la natura dell’arma sono intervenuti gli artificieri di Chieti e successivamente i militari del Genio dell’Esercito che, alle 7,30 di questa mattina hanno constatato che si trattava di un ordigno innocuo; la donna è stata prima arrestata e poi rimessa in libertà. Tutto era iniziato verso mezzanotte in una piazza di Sulmona, nel quartiere di Santa Maria della Tomba, quando la donna, senza fissa dimora, ha iniziato a dare in escandescenza. Raggiunta dai carabinieri avrebbe prima tentato la fuga per poi desistere e farsi accompagnare in pronto soccorso, dove da una perquisizione è stato rinvenuto il piccolo ordigno bellico nella sua borsa. Subito è scattato l’allarme con i carabinieri che hanno provveduto ad isolare la zona di accesso al pronto soccorso. Nel corso della nottata sono state adottate tutte le misure di sicurezze per evitare che una eventuale esplosione potesse provocare feriti, fino all’arrivo degli artificieri dell’esercito che dopo aver preso in consegna l’ordigno bellico hanno constatato che si trattava di un ordigno innocuo. Alle 7,30 è cessato l’allarme e tutto è tornato alla normalità. Dopo essere stata dimessa dal pronto soccorso la slovacca è stata accompagnata nella caserma di via Sallustio dove è stata prima dichiarata in arresto per detenzione di materiale bellico per poi essere rimessa in libertà in attesa dell’udienza di convalida.

Sii il primo a commentare su "Sulmona, straniera con ordigno bellico arrestata in ospedale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*